LIBRERIA ANTIQUARIA BONGIORNO

  Via Lana 72 - 41124 Modena

Tel 059 244466 - mobile 335 5432936

  mail: info@bongiornolibri.it

OTTOBRE

Codice di Napoleone il Grande per il Regno d’Italia

Prima edizione



LUOSI, Giuseppe .


Codice di Napoleone il Grande per il Regno d'Italia. Edizione originale e la sola ufficiale.


Milano, Stamperia Reale. Un volume in 4to grande (cm. 27,5); pergamena coeva con  pp. XXXVI, 633, (1) + un bifoglio ripiegato a firma “Il Gran Giudice Ministro della Giustizia Luosi” indirizzato ai tribunali, Regj Procuratori e Giudici del Regno d’Italia.

Milano, nella Reale Stamperia, 1806. Tagli rossi.  Ex libris inciso coevo.


(Unito:)


Indice Alfabetico delle materie contenute dal Codice di Napoleone per facilitarne la pratica.

Brescia, 1806 dalla Tipografia Spinelli e Vallotti, 1806. Stampato per cura di L. Nardini direttore della Regia Stamperia.


ALLEGATO:


INDICE ragionato del Codice Civile di Napoleone il Grande.

Brescia, per Bettoni, 1806. In 8vo (cm. 17,8); legatura in mz. pelle coeva con fregi e tit. in oro; pp. (8), 280. Prima edizione. Ex libris coevo identico a quello precedente .


Testo in italiano, francese e latino  stampato su due colonne. Eccezionale esemplare con doppio indice e allegato.    € 1700


EDIZIONE UFFICIALE della versione italiana, curata da Giuseppe Luosi, del Code de Napoléon, il codice civile dei Francesi, che fu promulgato il 21 marzo del 1804. Il codice fu pubblicato nello stesso anno in altre città italiane  in formati minori.


I lavori di codificazione erano cominciati sotto la Rivoluzione, ma fu Napoleone che li portò a termine, ponendo di fatto termine al diritto comune. Ad esso fecero seguito il codice di procedura civile (1806), il codice di commercio (1807), il codice di procedura penale (1808) e il codice penale (1810).


Tra il 1804 e il 1809 il “Code civil“ entrò in vigore in quasi tutti i territori della penisola italiana. Fu un fatto di rilevanza storica straordinaria, perché grazie ad esso cessarono di esistere le consuetudini locali, gli statuti, i vincoli di feudalità e i fedecommessi che per secoli avevano caratterizzato la vita del nostro paese.


Il Codice di Napoleone il Grande costituì poi la base del codice civile stilato dopo l'Unità d'Italia. Promotore della traduzione in italiano e in latino del codice francese e responsabile della sua introduzione nel Regno italico fu Giuseppe Luosi, dal 1805 Gran Giudice e Ministro della Giustizia. Terminata nei primi giorni del 1806, la versione italiana fu presentata a Napoleone, che si trovava a Monaco di Baviera, da una delegazione capeggiata dallo stesso Luosi. Il nuovo codice entrò in vigore nel Regno italico il 1° aprile del 1806.


Giuseppe Luosi, originario di Mirandola, studiò legge presso l'Università di Modena, dove ebbe come maestro B. Valdrighi, autore del Codice di leggi promulgato dal duca Francesco III nel 1771. Conseguita la laurea nel 1776, egli praticò fino al 1796 la professione di avvocato e notaio presso la sua città natale. Accanto a questa attività principale rivestì anche vari incarichi amministrativi. Nel 1796, coll'arrivo delle truppe napoleoniche, Luosi, che già in precedenza era stato un propugnatore delle idee riformatrici, intraprese una rapida carriera politica, venendo nominato governatore dell'Emilia. Trasferitosi a Milano nel 1807, Napoleone lo pose a capo del ministero della giustizia e della polizia. Presidente del Direttorio dal 1798 e membro della Consulta dal 1800, nel 1805 fu nominato Gran Giudice e Ministro della Giustizia, carica che mantenne senza interruzioni fino al 1814. Dopo l'entrata in vigore del codice da lui tradotto e promosso, Luosi si adoperò per farlo accettare e per attuare i programmi enunciati nelle sedute del Consiglio di Stato. Diede poi impulso alla redazione degli altri codici, anch'essi mutuati dai corrispettivi francesi, ad eccezione del codice di procedura penale, che fu autonomamente redatto nel 1807 sotto la supervisione di G.D. Romagnosi.

Nello stesso anno Luosi pubblicò a Brescia in sei volumi la Collezione dei travagli sul codice penale per Regno d'Italia, contenente, oltre al progetto, le osservazioni dei tribunali e dei procuratori regi. Per i suoi servigi Napoleone lo colmò di titoli ed onori. Fu fatto conte nel 1809, senatore del Regno e membro del R. Istituto di scienze, lettere ed arti nel 1810. Dopo il ritorno degli Austriaci, egli si ritirò a vita privata. Morì a Milano nel 1830. 

(F. Govi. I classici che hanno fatto l’Italia, N. 280, p. 250/1)

COSTUMI ROMANI




Charles Hullmandel  (1789 - 1850)  & Bartolomeo Pinelli.


Roman Costumes Drawn from Nature by Pinelli and C. Hullmandel on Stone by C. Hullmandel.


London, C. Hullmandel for Rodwell & Martin s.d. (1820).

In folio (cm. 43);  legatura dell’epoca in mz. pelle  con punte e tit. in oro al dorso; 24 bellissime litografie a colori  + una pagina in litografia per il titolo.  € 1600


Charles Hullmandel (1789-1850) è stato un litografo inglese.


Personaggio fra i più importanti per l'evoluzione tecnica della litografia britannica del primo Ottocento,  Hullmandel era figlio del compositore tedesco Nicolas-Joseph Hüllmandel  e della ricca ereditiera francese Camille Aurore Ducazan che, sposatisi a Parigi nel 1797, allo scoppio della  Rivoluzione francese fuggirono a Londra dove nacquero appunto Charles Joseph e la sorella Evelina (che seguì poi le orme paterne diventando insegnante di pianoforte e compositrice). Dopo aver trascorso parecchi anni nell'Europa continentale apprendendo i procedimenti d'incisione, lavorò presso il suo studio londinese al numero 51 di Great Marlborough Street dal  1819 fino alla morte producendo migliaia di stampe che portano il suo nome.


Inventato solo una ventina d'anni prima in Baviera, il processo litografico  stava conoscendo proprio in quel periodo una rapida diffusione insieme con una serie incessante di miglioramenti tecnologici, cui Hullmandel diede un indubbio contributo.


Il metodo di riproduzione da lui elaborato consentiva infatti un'ottima resa grafica anche per i colori tenui, permettendo così l'impressione delle varie sfumature espressive e gli esiti della pittura ad acquarello.  Gli fu perciò possibile stampare le opere di quella pittura paesaggistica  tipica dell'arte romantica  resa particolarmente popolare in Inghilterra da William Turner.  Eccezionali in campo artistico, le stampe di Hullmandel furono particolarmente ricercate anche per le opere di storia naturale, geografia e geologia.

Carmelo Bene.


Carmelo Bene in Macbeth,  due tempi di Carmelo Bene da Shakespeare. Regia scene costumi di Carmelo Bene con Susanna Javicoli, strumentazione fonica, consulenza di Salvatore Maenza, musica di Giuseppe Verdi, orchestrazione e direzione su base di Luigi Zito...


Milano, Teatro Lirico (4 gennaio 1983).  In 8vo (cm. 23,5), copertina originale, pp. 19 (1)  con 2 belle foto (C. Bene, S. Javicoli).  € 160


Il Macbeth del   1983 come detto da Carmelo Bene:


....segna la fine della scrittura scenica e spalanca l'avvento della macchina attoriale, sollecitato dall'esperienza elettronica ereditata dalla fase cinematografica e maturata nell'avventura concertistica del poema sinfonico (s)drammatizzato...

Orologi solari

Correzioni dell’AUTORE

Esemplare appartenuto al matematico  Giuseppe Santini




Giuseppe Maria Figatelli.


Retta Linea Gnomonica di Giuseppe Maria Figatelli Centese.

Overo brevissima estensione instruttiva fra due punti di chiarezza, e facilità per delineare Horologi Horizontali, Verticali, e Riflessi, con alcuni pochi de’ più usati fra portatili.

Operetta assai dilettevole per il nuovo, e universal modo d’operare, in qual si sia HOROLOGIO Riflesso.


In Forlì, Per Gio Conzatti, Al segno della Livia, 1667.


In 4to (cm. 20); pergamena coeva; pp. 83 (1) + 4 carte di tavole ripiegate. PRIMA edizione molto rara.  Tracce di tarlo al margine inferiore bianco delle prime 4 carte. € 2300


CORREZIONI autografe  di Figatelli alla prima carta ripiegata, Alla pagina 19 (16 righe al margine bianco); nota a metà pagina 21; correzioni a pagina 33; pagina 39; pagina 52.

 

Edizione della Libreria Antiquaria Palmaverde.

Isabella Gardner - Enzo Brunori


(Esemplare nella tiratura di 70 copie con l’incisione originale di Enzo Brunori)



Isabella Gardner.

Un’altra infanzia. Versione di Alfredo Rizzardi.

Bologna, Libreria Antiquaria Palmaverde, 1959.


In 8vo (cm. 23); cop. orig.; pp. 29 (3).

Tiratura di 70 copie numerate con un’acquaforte originale del pittore Enzo Brunori numerata e firmata a matita. € 350

Carte solitarie della fortuna



Mazzo di 52 carte solitarie della Fortuna, passatempo dedicato al gentil sesso.


Torino Cesare Jona (Palazzo di città 2), Fabbrica di carte da giuoco. 1938


Con un foglio di istruzione per il gioco stampato da ambo i lati. 


Stanza, Imeneo, La conversazione, Casa, La Superbia, La vecchia sincera, Presente di pietre preziose, Viaggio, Allegrezza al cuore, Belvedere, L’Amica, Sospiri...

Gioco Cinese


Nuovo dilettevole Giuoco Chinese.

Milano, presso li Frat. Bettalli Cont. del Cappello N. 4031,  senza data ma primi anni dell’Ottocento.


In 8vo (cm. 18,5), frontespizio con titolo e spiegazioni incise +   28 carte di Tavole   incise con figure geometriche.  Cartoncino originale stampato con cornici ai due piatti.  € 240


Questa ingegnosa  invenzione e' fondata sopra principij geometrici, e consiste in 7 pezzi cioè 5 triangoli, un quadrato ed un parallelogrammo, i quali possono essere combinati in modo da formare piu' di 300 figure curiose

Libro di giochi contenente un rompicapo cinese. Si tratta di un puzzle formato da 7 poligoni (5 triangoli, un quadrato ed un parallelogrammo) che devono essere montati al fine di formare una figura (talvolta e' possibile creare piu' figure). Il tangram si diffuse in Oriente nel Settecento per poi arrivare anche negli Stati Uniti ed in Europa. Questo, pubblicato a Milano, presso Bettalli, è uno dei primi ad essere pubblicato in Europa. 

Condannati a morte


Giuliano Sabbatini.



Memorie del Pio Istituto della Conforteria assunto già dai primi Fondatori della Venerabile Confraternita di S. Giovanni Battista di Modena detta l’Ospitale della Morte fino al 1372 e ristaurato nel corrente Anno 1755.



Modena, Eredi di Bartolomeo Soliani, s.d. (1755). In 8vo (cm. 18); cartone coevo; pp. 221, (1) + una tavola in xilografia dopo p. 106, (divisa del condannato a morte).  € 650


Divideremo quest’opera in quattro parti. Nella prima daremo notizia dei principi della nostra Confraternita...

Nella seconda parte daremo il metodo che, anche attualmente, si pratica dalla Confraternita in tutta la funzione di ricevere in consegna de’ condannati, di confortarli la notte, di accompagnarli al supplizio, di distaccarne dal patibolo i cadaveri...


Nella terza parte daremo i nomi dei Confratelli nuovamente aggregati...


Nella quarta parte daremo gli estratti, o sia la copia per disteso dei documenti, che andremo citando nel corso di queste memorie...


Con una dettagliata descrizione della funzione sino alla morte seguita del condannato (forca o mannaia) e descrizione della veste del condannato. Lievi spellature al dorso.


LEIRIS MICHEL

JOAN MIRO' LITOGRAPHE - PARIS MAEGHT 1972 - 1977



Quattro volumi  in 4to grande (cm. 32)  legatura editoriale in tela, sovraccopertine ed acetati originali.


PRIMA edizione di questa monumentale opera che raccoglie la produzione grafica completa di Mirò dal 1930 al 1972, impreziosita da 36 litografie originali a colori complessive (4 sovraccopertine e 32 a piena pagina.). Bella copia. 


1) Joan Mirò litographe I (1930 - 1952). Michel Leiris, "Repentirs et ajouts, 1970" / "Autour de Joan Miro' 1947" - Fernand Mourlot, "Catalogue et Notices", Paris, A.C. Mazo & C.ie, 1972; pp. 231 (9), 1 litografia originale in sovraccopertina e altre 11 belle litografie originali a colori a piena e doppia pagina  di Mirò stampate  da Mourlot. 


  1. 2)Joan Mirò litographe II (1953 - 1963). Preface de Raymond Quenau, Paris, Maeght, 1975; pp. 253 (3), 1 litografia originale in sovraccopertina e altre 11 belle  litografie originali a colori a piena e doppia pagina di Mirò stampate da Mourlot.


  1. 3)Joan Mirò litographe III (1964 - 1969). Preface de Joan Teixidor, Paris, Maeght, 1976/7;  pp. 215 (5), 1 litografia originale in sovraccopertina e 5 litografie originali a colori  a piena pagina  di Mirò, stampate da Mourlot. . 


4) Joan Mirò litographe IV (1969 - 1972). Preface de Nicolas et Elena Calas, Paris, Maeght,                 1981; pp. 208 (4), 1 litografia originale in sovraccopertina e 5 litografie originali a colori a piena pagina di Mirò, stampate da Mourlot. 

L’UOMO di GENIO



Cesare Lombroso.


L’Uomo di genio in rapporto alla Psichiatria, alla Storia ed all’Estetica.


Torino, F.lli Bocca, 1894.


Sesta edizione completamente mutata con 26 tavole e 23 figure.


In 4to (cm. 24);  bella e solida legatura dell’epoca in mz. pergamena  con punte, tassello in rosso con titolo in oro; copertine originali illustrate conservate,  pp. XXXII, 743 + 26 tavole alcune doppie  e ripiegate fuori testo. Con indice delle tavole e delle figure.

Bella copia. 


Fisiologia e patologia del genio. Influenza delle meteore, del clima, della razza, della pazzia nei genitori e delle malattie cerebrali. Il genio nei pazzi.


... Ampère, Carlo Dolce, Baudelaire, Cardano, Tasso, Swift, Rousseau, Hoffman, Schopenhauer, Nicola Gogol, Flaubert, Beethoven...

Francesco Barozzi.


Cosmografia in quattro libri divisa, la quale con sommo ordine, e marauigliosa facilità, e breuità introduce alla grande mathematica costruttione di Tolomeo, & à tutta l'astrologia. Composta da Francesco Barozzi gentil'huomo venetiano. Con la prefatione di esso autore ... Preciede ancho alcuni communi mathematici, arithmetici, & geometrici principij, con alcune cose di nuovo dall'autore ritrovate ...


In Venetia, presso Gratioso Perchacino, 1607


In 8vo (cm. 18); cartonato coevo un po’ ingiallito;  carte (8), 230 (16) con numerose illustrazioni xilografiche nel testo e TRE TAVOLE  xilografiche più volte ripiegate fuori testo.


Prima edizione italiana, postuma, la prima edizione in lingua latina vide la luce nel 1585. (Cantamessa, 618).  € 1100


Francesco Barozzi, gentiluomo veneziano, lasciò varie traduzioni e opere originali d’argomento matematico. Sotto l’accusa di stregoneria venne processato a Venezia dal Sant’Uffizio (1587) e condannato al carcere, a multe e obbligato a compiere opere pie.

L’opera tratta in prevalenza di aritmetica, geometria e cosmografia. Tratta di astrologia nei Libri Secondo e Terzo della Cosmographia in termini generali e sotto il profilo astronomico. L’astrologia è comunque qui considerata una scienza derivata dall’astronomia, ma dotata di minore dignità.



Legatura con le Armi del Cardinale Mazzarino


Varillas.

Histoire de Charles VIII par Monsieur  Varillas.

A Paris chez Claude Barbin, au Palais , sur le second Perron de la Sainte Chapelle, 1691.

In 4to grande (cm. 25,5); piena pelle coeva, dorso a 5 nervi.

Cornici in oro, 4 gigli agli angoli ed armi del Cardinale Mazzarino al centro dei piatti. Pp. (30), 578. Qualche spellatura e lievi  danni alle cerniere , all’interno bella copia.  € 650


Non si tratta di una copia proveniente dalla Biblioteca del cardinale Mazzarino (1602 - 1661)  ma dal Collegio “des Quatre Nations” alla fondazione del quale il Cardinale Giulio Mazzarino per testamento destinò il suo patrimonio.  Questo Collegio deve il nome al fatto che per volontà del Mazzarino sessanta studenti delle 4 Provincie che con il Trattato di Wesphalie (1648)  ed il trattato des Pyrénéès (1659) furono unite alla Francia hanno l’istruzione gratuita. Il Cardinale Mazzarino lasciò pure la sua Biblioteca al Collegio.

Come premio ai migliori laureati il Collegio donava i volumi rilegati con le armi dell’illustre fondatore.


Sotto la rivoluzione il “Collège des Quatre-Nations” divenne il “Collège de l’Unité” poi un carcere .

Nel 1805 Napoleone vi installò l’“Institut de France”  risultante dalla fusione nel 1795 di cinque Accademie (Académie française, Académie des inscriptions et des belles lettres, Académie des sciences, Académie des Beaux-Arts et Académie des sciences morales).

Prese allora il nome con cui è arrivato ai nostri giorni:  “Palais de l’Institut”, sede dell’Académie française.

Raccolta di fogli volanti  di canzonette popolari



Album contenente una raccolta di 41 fogli popolari di canzonette della fine Ottocento ed inizio Novecento stampate a Torino (tip. Marengo, Artale ), Modena (Tip. Bassi e nipoti, Tip. Moneti), Firenze (tip. Bernardi, Tip. Salani), Foligno (Tip. Campi), Fiorenzuola (Tip. Pennaroli), Milano (Tip. Ranzini). Altre senza indicazioni tipografiche.


Album di cm. 25,5x35. I fogli delle canzonette misurano circa cm. 21x30.   € 1100

Gioco di carte per indovinare il nome e l’età di una persona


Le sept cartes mysterieuses. Jeu de Salon.


Paris, au Salon des Enfants, 156 Rue de Rivoli.


Otto carte di color azzurro + Otto carte di color rosa (cm. 7,6x11,9),

il retro scritto.


Divertente gioco dell’Ottocento  per indovinare l’anno ed il nome di una persona facendo estrarre dal mazzo una delle 7 carte rosa per le donne od una delle sette carte azzurre per gli uomini...

€ 350

Gustave FLAUBERT.



Salammbò.

Paris, Michel Lévy Frères, 1863.


In 8vo grande; mz. pelle coeva con tit. in oro e fregi a secco. Bella copia priva di arrossature con ampi margini.

PRIMA EDIZIONE  e prima tiratura con l’errore “Scissites” al posto di “Sysitess” a pagina 80.  € 1200

Salammbô è un romanzo storico ambientato nella città di Cartagine (nell'odierna Tunisia) durante la Rivolta dei mercenari del III secolo a.C. È considerato uno dei capolavori di Gustave Flaubert e della letteratura mondiale in generale.

LEONARDO SCIASCIA


Le Parrocchie di Regalpetra. Bari, Laterza, 1956. PRIMA edizione.  Tracce di nastro trasparente all’interno della sovracop., ma bella copia.   


Gli zii di Sicilia. Torino, Einaudi, 1962. (Seconda edizione).   € 75


Il giorno della civettta. Torino, Einaudi, 1961. Acetato originale. PRIMA edizione.  € 350


Il consiglio d’Egitto. Torino, Einaudi, 1963. PRIMA edizione.   € 140


Morte dell’inquisitore. Bari, Laterza, 1964. PRIMA edizione.    € 130


A ciascuno il suo. Torino, Einaudi, 1966. PRIMA edizione.   € 100


La corda pazza. Scrittori e cose della Sicilia. Torino, Einaudi, 1970.

PRIMA edizione.   € 70


Il contesto. Torino, Einaudi, 1971. PRIMA edizione.   € 60


Atti relativi alla morte di Raymond Roussel. Con un saggio di Giovanni Macchia. Palermo, Ediz. Esse,1971. PRIMA edizione.   € 140


Il mare colore del vino. Torino, Einaudi, 1973. PRIMA edizione.    € 65


Todo modo. Torino, Einaudi, 1974. PRIMA edizione.   € 60


La scomparsa di Majorana. Torino, Einaudi, 1975. PRIMA edizione.   € 60


I pugnalatori. Torino, Einaudi, 1976. PRIMA edizione.   € 50


Candido ovvero un sogno fatto in Sicilia. Torino, Einaudi, 1977. PRIMA edizione.   € 70


L’affaire Moro. Palermo, Sellerio, 1978. PRIMA edizione.   € 100


Nero su nero. Torino, Einaudi, 1979. Brunitura nella parte bianca interna della copertina, ma bella copia.  PRIMA edizione.   € 70


Dalla parte degli infedeli. Palermo, Sellerio, 1979. PRIMA edizione.   € 50


Il volto sulla maschera. Milano, Mondadori, 1980. Con biglietto di auguri di R. Montroni. PRIMA edizione.   € 65


Il Teatro della memoria. Torino, Einaudi, 1981. PRIMA edizione.   € 50


Kermesse. Palermo, Sellerio, 1982. PRIMA edizione.   € 50


Cronachette. Palermo, Sellerio, 1985. PRIMA edizione.   € 35


Per un ritratto dello scrittore da giovane. Palermo, Sellerio, 1985. PRIMA edizione.   € 35


La Strega e il Capitano. Milano, Bompiani, 1986. PRIMA edizione.   € 45


1912 + 1 . Milano, Adelphi, 1986. PRIMA edizione.   € 75


Porte aperte. Milano, Adelphi, 1987. PRIMA edizione.   € 50


Il Cavaliere e la morte. Milano, Adelphi, 1988.   € 50



PRIME EDIZIONI in perfetto stato di conservazione con sovracoperte originali.

Ugo Foscolo


Viaggio sentimentale di Yorick lungo la Francia e l’Italia. Traduzione di Didimo Chierico.


Pisa, co’ caratteri di Didot, 1813.


In 12mo (cm. 16,2); piena pelle coeva con titolo e fregi in oro al dorso; occhietto, ritratto inciso con la scritta L. Sterne, pp. VIII, (2), 251 (5). Altra incisione (tra p. 230 e 231) con la scritta Didymus Clericus.


Bella copia.  PRIMA edizione. 

Giuoco dell’Oca dei primi anni dell’Ottocento


Xilografia colorata di cm. 40 x 53, montata all’epoca su tela leggera.

(Milano, Battioli, primo quarto del XIX secolo).



Questo gioco è composto di 90 caselle, facendo riferimento ai numeri del Gioco del  Lotto; ai normali imprevisti sono aggiunti quelli della Fontana e della Torre; le regole sono scritte in basso. Figure di ispirazione popolare sono inserite agli angoli del foglio (A.Milano, Giochi da salotto - Giochi da osteria, n. 95).

Mancanze,  bella acquarellatura coeva. 

Felix Bonfils

Muro del Pianto 


Bella e nitida fotografia originale all’albumina di cm. 21,5x27,3, montata all’epoca su cartoncino di cm 25x35.  Circa 1870/1875.

Si tratta della  più importante  immagine dell’Ottocento del Muro del Pianto a Gerusalemme.  € 450


Felix Bonfils (Alès, Francia, 1831 - 1885).


Fotografo francese, si recò in Asia Minore nel 1860, aprendo infine con la moglie Marie Lydie Cabanis nel 1867 uno studio in Libano, a Beirut, la “Maison Bonfils”. Lo studio, nel quale fu presto attivo anche il figlio Adrien (1861-1928), eseguì numerosissime fotografie, di cui molte stereoscopiche, in tutto il medio oriente: Siria, Libano, Palestina, Egitto, e anche in Grecia, avvalendosi anche di molti assistenti.

Documentò i monumenti, i paesaggi, i tipi umani, il colore locale, insistendo in modo particolare sui luoghi santi e le mete di pellegrinaggio. Le foto Bonfils, abilmente realizzate e abilmente commercializzate anche in Europa, riscossero grande successo. Particolarmente riuscite le sue vedute panoramiche di città e paesaggi, ottenute giustapponendo diversi scatti.

Lunario Ebraico


Elia Sinigaglia.

Lunario Ebraico per l’anno 5607 ossia compendiosa dilucidazione dei titoli che portano in fronte le Bibliche Leggende storica ed etimologica dichiarazione delle Feste, mezze Feste e digiuni degli Israeliti. Compilate dal Maestro Elia Sinigaglia e dall’Almanacchista Anconitano corredato di un calendario romano e delle diverse fasi lunari per l’anno 1847. Aggiunti molti proverbi salomonici, diverse cabale pei dilettanti del giuoco del lotto ed una relazione delle feste d’Ancona dall’Università Israelitica in onore dell’Immortale Sommo Pontefice  Pio IX celebrate e relative epigrafi.

In Loreto, Fratelli Rossi, 1846/7.

In 16mo (cm. 16); cartina colorata coeva; pp.40.  

SAGGIO dogmatico filosofico accademico sulla religione


che si offre, dedica, e consagra a Sua Eccellenza Reverendiss. Monsignore D. Giuseppe CAPECELATRO  Arcivescovo di Taranto &c. &c. da’ Signori D. Sante Fasano, D. Orazio Minardi ... Da’ medesimi si espone pubblicamente nella Chiesa di Santo Stefano de’ PP. Riformati di Martina il dì   di Settembre, ad ore   dell’Anno MDCCCII


Grande foglio volante (cm. 80 x 53), con vecchi restauri di rinforzo al  retro sulle piegature con carta bianca. Alcune piccole mancanze al testo e sulla figura centrale, rappresentante Gesù bambino nel tempio tra i Dottori; grande cornice allegorica. Nessuna indicazione tipografica, nè relativa all’incisore (probabilmente Taranto 1802). € 250

Giuseppe Capecelatro fu Arcivescovo di Taranto dal 1778 al 1816. Nel periodo del suo episcopato, costituì la Biblioteca Arcivescovile a lui intitolata, rendendo pubblica la sua biblioteca personale. Il 14 marzo 1800, fu condannato a dieci anni di reclusione per aver aderito alla Repubblica Partenopea durante i moti del 1799. Illuminista e letterato, fu in corrispondenza con numerosi intellettuali europei,fra i quali Goethe, Herder, Madame de Stael, Lamartine, von Humboldt e Walter Scott.




MANUALI HOEPLI   Editore - ULRICO HOEPLI -  Milano



Ugo Pasquinelli

A B C del gioco degli scacchi. Terza edizione rifatta, 1935. Con sovracoperta. € 65


Alfredo Untersteiner

Storia della musica. Quarta edizione, 1916.  €  75


  1. G.Ciocca

Il Pasticciere e Confettiere moderno. Raccolta completa di ricette. Quarta ed. ampliata, 1923.  Tela scolorita. € 150


  1. R.Gestro

Il Naturalista preparatore (imbalsamatore - tassidermista). Quinta edizione, 1915. € 75


  1. L.Cappelletti

Napoleone I. Con 24 foto-incisioni. Terza edizione, 1916.  € 55


Giustino Boson

Assiriologia. Elementi di grammatica, sillabario, crestomazia e dizionarietto. 1918.   € 100


Alfredo Melani

Scultura italiana antica e moderna.

Terza edizione accresciuta con 170 tavole e 40 incisioni intercalate. (1920 circa). € 90

Cinthio Giraldi.


Didone. Tragedia di M. Gio. Battista Giraldi Cinthio, Nobile ferrarese.


In Venetia, Appresso Giulio Cesare Cagnacini, 1583.


In 8vo piccolo (cm. 14); cartina colorata del Settecento; pp. 157 (1), Ritratto in xilografia.


Prima edizione. € 380

  Jean Jacques Rousseau.




Discours sur l’origine & les fondaments de inégalité parmi les hommes.

Amsterdam, chez Marc Michel Rey, 1755.


In 12mo (cm. 15,5); bella legatura in piena pergamena a 4 nervi  con unghie, titolo e fregi in oro; pp. (4), LXXXVII, (1), 299, (1).


Contraffazione dello stesso anno dell’originale.  € 800

Tomaso Cornelio (Thomas Corneille)


Il Conte d’Essex tragedia di Tomaso Cornelio francese dedicata all’Illustrissima Signora Francesca Severoli Gabelotti da Vincenzo Maria Orsoni.


In Bologna, per il Longhi, 1701.


In 8vo piccolo (cm. 14,5); cartonato coevo; pp.95 (1).  € 230

Prezioso libretto in cinque atti.

Nel 1833 Mercadante ne fece un’opera in tre atti; nel 1837 fu musicata da Donizetti su libretto di S. Cammarano.




Prima Edizione numerata di 200 copie


Carlo Emilio Gadda.


La Madonna dei filosofi

Firenze  Edizioni di Solaria Anno 1931.   In 16 (cm. 19.8); pp. 167, (9).

Copertina originale stampata in rosso e nero.


PRIMA edizione della rara prima tiratura numerata di 200 copie; (ne seguirono 800 non numerate riservate alla vendita). Bella copia.


Opera prima di Gadda, è una raccolta di testi che prende il nome dal racconto lungo La Madonna dei filosofi uscito nel 1928 sulla rivista Solaria. 

Il racconto è a sfondo “giallo” e racconta la storia di un tentato omicidio, da parte di un’ex-amante, ai danni dell’ingegner Baronfo, innamorato di Maria Ripamonti, una dolce fanciulla che ha perduto in guerra il fidanzato Emilio. Il racconto è denso di motivi autobiografici.  


Italo Calvino.


Il Cavaliere inesistente.

Torino, Einaudi, 1959.

PRIMA edizione.

In 16mo (cm. 19,5); copertina originale; pp. 165, (3). Bella copia.  € 230

Romanzo fantastico scritto nel 1959, terzo capitolo della "trilogia araldica" intitolata I nostri antenati, dopo Il visconte dimezzato (1952) e Il barone rampante (1957).



Giuoco di carte


Del giuoco dell’ombre.


In Milano, per Giuseppe Galeazzi, 1774.


In 16mo (cm. 14,5); mezza pelle dei primi anni dell’Ottocento; pp. 47, (1). Lensi, n. 55: tratta del gioco delle ombre e ne dà per disteso le regole. € 450

Irving WASHINGTON.


Viaggio per le Praterie Occidentali de(gli) Stati Uniti. Prima versione italiana. Milano, Tipografia e Libreria Pirotta, 1837. Prima versione italiana.


In 24mo (cm. 12,2); mezza pelle dell’epoca; occhietto, antiporta incisa con la scritta “Amenità dei viaggi e Memorie contemporanee”, Frontespizio del Vol I, pp. 216. Secondo Occhietto, Antiporta incisa come la precedente, Frontespizio Vol. II ed ultimo, pp. 282. Raro. € 200



Gadda Carlo Emilio


La Meccanica

Garzanti, Milano, 1970.


In 16mo (cm. 19,3); copertina originale in tela rossa con sovracop., (ritratto fotografico di Gadda); pp. VIII, 148.


PRIMA  edizione.  € 55

Salvatore Quasimodo.

Ed è subito sera.


Milano, Mondadori, Ottobre 1942-X. PRIMA EDIZIONE. Poesie con un saggio di Sergio Solmi.

In 16mo (cm. 19,5); copertina originale con la sovraccoperta identica alla copertina (molto spesso mancante); pp. XII, (4), 199, (5). Prima edizione rara da trovarsi con la sovraccoperta. 

Sperone Speroni.


Tragedia di M. Sperone Speroni. Se nel fine di questa sana, intera, & corretta si guarderà, si troverà annotato quanto lacera, tronca, & corrotta sia quella, che da altri, che da noi, & contra il voler dell'Auttore, & senza licenza veruna occultamente è stata stampata, & intitolata CANACE.


Venezia, Vincenzo Valgrisi, 1546. PRIMA edizione, unica autorizzata dall'autore. In 8vo; elegante in mezza pelle verde; dorso a 4 nervi; fregi e titolo in oro al dorso; cc. 39, (1);  marca tipografica in fine; carte di guardia colorate.  Aggiunte 6 antiche carte bianche all'inizio e 20 in fine.  € 700

LEGATURA veneziana del Settecento



OFFICIUM  Beatae Mariae Virginis S. PII V Pontificis Maximi Jussu editum, et Urbani VIII auctoritate recognitum; con l’Uffizo de’Morti, Sette Salmi, ed altre diverse Orazioni e Divozioni.


Venetiis ex Typographia Belloniana, 1769.


In 8vo (cm. 19); bella e preziosa legatura veneziana in piena pelle maculata marrone con ricche cornici in oro e fregi ai due piatti ed al dorso; sguardie in seta rossa; tagli dorati.

Pagine XXIII, 453 (3) con 7 belle incisioni di Bernardo  Falconi.  € 650

Mauro Biuzzi.


TAU

18 Aprile 9 Maggio 1980


mario diacono piazza mignanelli 25 roma


Pieghevole in 4to (cm. 23) di pagine 6 stampato su cartoncino arancione. Testo di Mario Diacono. € 30


ALAMANACCO - VENEZIA


Almanacco per le provincie soggette all’I.R. Governo di Venezia pe l’anno 1825.


Venezia, presso Giuseppe Gattei Tipografo dell’Ecc. Governo.

In 4to (cm.24); brossura originale; pp. XXXV, 886 (2). Bella copia stampata su carta forte con barbe. 


Voluminoso almanacco con numerose ed interessanti informazioni:

Accademia di Belle Arti di Venezia, Ambasciatori, Biblioteche principali, Borsa di Venezia, Boschi, Camera di Commercio, Capitani del Porto, Casa dei Principi e Arciduchi, Case di pena, Chirurghi, Ciambellani, Collegi maschili e femminili, Congregazioni, Coppiere e scalchi, Dame di palazzo, Farmacisti, Fiere e mercati, Lotto, Ordine austriaco della Corona di ferro, Polveri e nitri, Polizia, Sali, Scalchi ungheresi, Università di Padova, Pavia, Vienna....



PUZZLE- LOGEROT


Puzzle. Scatola (mancante del coperchio) con all’interno 4 puzzle: Amerique, France, Amerique Sud, Mappemonde. € 160


Scatola di cm. 22x28 (mancante del coperchio) contenente 4 puzzle. Pubblicata dal cartografo Logerot (1839-1880) nel 1840/50 circa. Mancante di alcuni pezzi.

HENZ, Lodovico. 


Memoria sul progetto della strada ferrata da Colonia ad Eupen di Lodovico Henz R. Architetto di Prussia ovvero guida ragionata e sicura per poter compilare con esattezza e coi voluti dettagli il preventivo tanto della spesa primitiva di costruzione come dell’annuo dispendio pel servizio di qualunque strada in simil modo formata. Versione  dal tedesco di Francesco Utz ingegnere praticante presso l’I.R. Direzione generale delle pubbliche costruzioni di Lombardia.



Milano, presso Angelo Monti, 1838. In 4to (cm. 27); mz.. pelle coeva con tit. e fregi in oro ed a secco al dorso; pp. VIII, 107 (1) + una Carta topografica della strada ferrata da Colonia ad Eupen.  € 200

Ottone Rosai


Disegni di Ottone Rosai con prefazione di Alfonso Gatto.


Venezia, Edizione del Cavallino, 1939.

In 8vo (cm, 20,5); copertina illustrata, pp. (14), + 17 tavole su carta patinata (4).


Edizione di 350 esemplari numerati fuori commercio. € 120

Rezio Buscaroli.


L’arte e la rivoluzione.


Imola, A.R. Baroncini, 1920. In 8vo (cm. 22,5); cop. orig. ill.; pp. 56 (4). Testo incorniciato e due xilografie dell’autore. Dedica autografa dell’autore.       


Renzo Buscaroli dopo  aver aderito al Movimento Futurista se ne distacca su posizioni socialiste con il libro  “L’arte e la rivoluzione”. Salaris, p. 133 e 166.  € 200

Giacomo Noventa.


Versi e Poesie.


Milano, Edizioni di Comunità, 1956.


In 8vo (cm. 24,5); copertina originale, sovracop. ; pp. XVI (2), 203. Bella copia.

PRIMA edizione.

Con una “Premessa” di Geno Pampaloni.  € 155



Stampato su carta azzurra


Giovanni della Casa.


Il Galateo e gli uffizi comuni di M. Giovanni della Casa.

Parma, dalla Stamperia Paganino, 1817.


In 16mo (cm. 14,3); legatura in mezza pelle coeva; pp. 191, (1).

Stampato su carta azzurra.    € 200

Leonardo Castellani.


Giornate lunghe in Sardegna. 15 incisioni e pagine di Leonardo Castellani.


L’edizione, raccolta in astuccio editoriale, si compone di un volume di 60 pagine stampate su carta Ventura contenente 5 acqueforti originali non firmate e di una suite di 10 acqueforti firmate e numerate dall’artista stampate su carta delle Cartiere Magnani di Pescia.

Pesaro-Milano, La Pergola edizioni d’arte, 1969.


Tiratura complessiva di 130 esemplari. La nostra copia è una delle XXX coi numeri romani firmata e numerata a matita dall’artista.


Esemplare arricchito di una dedica autografa di Castellani ad un grande scrittore italiano. 

€ 1400

CESETTI.


Cesetti e i cavalli.


Venezia, Edizioni del Cavallino, 1941.


In 16mo oblungo (cm. 19); cop. illustrata; pp. 12 nn. (testo di G. Cesetti) + 12 Tavole, (4). Raffinata ed elegante edizione di 400 copie numerate.  € 120




Enigmistica - Indovinelli

“Questioni da risolvere”




107 carte/figurine di cm. 7x11 circa in perfetto stato di conservazione (piccola mancanza ad una sola carta)-


Indovinelli e giochi ottici di fine Ottocento inizio Novecento, le figurine umoristiche dell'editore Adriano Salani di Firenze sono tra le prime apparse e commercializzate in tale formato, venivano vendute in bustine da Cent. 25, contenenti ognuna 16 immagini differenti.  

Mazzi di carte scompleti


7 carte di un mazzo di tarocchi (5 figure e due di semi) risvolto. Probabilmente dell’Ottocento.


5 carte del “Cucco” . Milano Lamperti. (risvolto)


3 carte (risvolto)


17 carte Farinone in Varallo


6 carte varie


16 carte




GIUSEPPE VERDI


Il Trovatore


Dramma in quattro parti poesia di Salvadore Cammarano musica del Maestro Giuseppe Verdi Cav. della Legion d’onore.


Milano,  dall’ I. R. Stabilimento Nazionale privilegiato di Tito di Gio. Ricordi, Cont. degli Omeoni, n. 1720 e sotto il portico a fianco dell’I.R. Teatro alla Scala, 24281. (1853 anno della prima rappresentazione).

In 16mo (cm. 16,8); copertina originale di lusso in stile romantico con decorazioni in rilievo in oro; pp. 40. Nella collezione di libretti rari di “Thomas Fisher - Toronto” .


Dai nomi degli attori si evince che il libretto è stato utilizzato per la rappresentazione del 26 XII 1853 a Modena, Teatro Comunale.   € 650

Educazione della Donna Italiana


Caterina Franceschi Ferrucci.


Della educazione morale della Donna italiana libri tre di Caterina Franceschi Ferrucci socia corrispondente della R. Accademia di Torino.


Seconda edizione riveduta e corretta dall’Autrice.


Torino, Unione Tipografica editrice, 1855.

In 16mo (cm.17); bella legatura di “dono” in marocchino rosso con ricche cornici in oro e fregi ai piatti ed al dorso “A Celestina V”.

Pagine 335. Tagli dorati. € 230



Della benevolenza, della famiglia, Dei doveri della donna verso la Patria, Della Vanità, Della leggerezza, Della incostanza, della bontà, Dell’amore del bello e de’ suoi effetti nei costumi e nell’ordine della vita. 

Legatura alle armi Estensi


Gaetano Donizzetti

Lucia di Lammermoor

Dramma tragico in due atti da rappresentarsi nel Teatro  del Comune di Reggio la Fiera del 1843.

La poesia è del signor Salvadore Cammarano, la musica è del Maestro Cav. Gaetano Donizzetti. Le Scene sono disegnate  e dipinte dai Signori Giuseppe Badiali e Cesare Gandolfi. Li Vestiari sono di proprietà dei Signori Camurri e Compagno di Bologna, diretti dal Signor Antonio Ghelli...


Reggio, per Torreggiani e Compagno Tipografi Teatrali.


Preziosa legatura in cartone blu con aquila estese in oro al centro dei due piatti, cornici e fregi.


In 8vo (cm. 17,5) pagine 39. Dedicato A Francesco IV d’Este da Agostino Marchesi Impresario.

(unito:)

Egidio Priora. Dianora de’ Bardi azione coreo-mimica tratta da un aneddoto fiorentino del secolo XIV. L’azione succede in Firenze. Pagine 12.   € 350


Bellissima Tombola della fine del Settecento.




Tabellone in noce raccogli numeri  con 2 piedini, fori per le palline numerate. Cm. 82,5x11,5

Antica scatola ovale in cartone ricoperta di carta colorata  con le sfere in legno con il numero inciso. Astuccio con 23 cartelle fine Settecento con dorsi diversamente decorati e griglia e numeri manoscritti. € 1600

Carlo Dossi.


Note azzurre (scelte ed ordinate dalla Vedova).


Milano, Fratelli Treves Editori, 1912. In 8vo (cm. 18,4); tiratura di lusso in tela grigia con la scritta in nero “In Memoriam”  e  le date 1849 - 1910; lo stemma del Conte Carlo Pisani Dossi con il motto: Pax Candida Fortis.


PRIMA edizione del Diario privato di Carlo Dossi fatto pubblicare dalla moglie. 


Rarissima tiratura di poche copie nella veste che la vedova usava regalare agli amici... Bella copia. 


Dedica della moglie di Carlo Dossi: ...

“In ricordo di Carlo Dossi affettuosamente invia la moglie sua.“ 


Mail:

info@bongiornolibri.it



tel. 059  24  44 66


mobile 3355432936

Per visualizzare le liste precedenti cliccare all’inizio di questo elenco  sul mese.

Chi non riceve   l’avviso dei nostri listini mensili può farne richiesta  a :


info@bongiornolibri.it