LIBRERIA ANTIQUARIA BONGIORNO

  Via Lana 72 - 41124 Modena

Tel 059 244466 - mobile 335 5432936


mail: info@bongiornolibri.it

 

Almanacco per l’anno 1837


Il famoso Casamia per l’anno 1837.

Ove si pronosticano gli avvenimenti del mondo, si troverà il levar del Sole, li quarti della Luna  con il suo discorso, la nascita de’ Principi, e degli Emi. Sigg. Cardinali, e finalmente una nota estesa delle Fiere dello Stato Pontificio e quelle di Napoli.


Loreto, pei Rossi Stamp. S. Casa, 1836/7.

In 8vo piccolo (cm. 16); cartina colorata coeva; pp. 62 + 2 pagine nn. con la Tavola del suono dell’Ave Maria della sera secondo l’orologio Francese; Lunazione Ebraiche per l’anno 1837.

Una vignetta con il ritratto dell’Autore  + 12 vignette in xilografia, una per ogni mese. € 250

BENE - ZION


Libro d’istruzione religioso - morale per la gioventù israelitica del Regno Lombardo-Veneto.


Venezia, dalla Tipografia Ebraico-Greca-Italiana di Giuseppe Molinari editore.

A spese delle Comunioni Israelitiche del Regno Lombardo-Veneto.

In 8vo (cm. 17,8); elegante legatura con ricche impressioni a secco, cornici in oro, ricchi fregi in oro al dorso. Sguardie in carta verde. Una cerniera restaurata; pp. 259 (3). Ultima pagina con  ”Errata”. Testo in italiano con scritte in caratteri ebraici. 

Gabriele d’Annunzio.


Scatola in metallo colorato con scritte in oro per biscotti SAIWA. Cm. 24x24x24.


€ 350


Sul coperchio motto “Memento Audere Semper”   e scritta in oro di Gabriele d’Annunzio:



Queste vostre nuovissime scatole di biscotti fini superano in finezza e in bontà le migliori d’Inghilterra .


Son troppo squisite per me.

Vi ringrazio e vi lodo...

Il Vittoriale  II Marzo 1929

GABRIELE d’ANNUNZIO marinaio


Alla S.A.I.W.A.

Viaggio immaginario

SEVARAMBI


Denis Vairasse.


Istoria dei Sevarambi popoli che abitano una parte del terzo Continente comunemente detto la Terra Australe; contenente una Relazione  del Governo, Costumi, Religione, e Linguaggio di questa Nazione sin’ora ignorata ai Popoli d’Europa.

In Venezia, presso Sebastiano Coleti, 1730.

In 8vo (cm. 15,8); legatura coeva in piena pergamena rigida; pp. 376. Grande ex libris  inciso del Settecento di importante famiglia nobile italiana; pp. 376.  € 900


Prima edizione italiana di questo romanzo  che si  presenta  come la veridica relazione di viaggio di un certo capitano Siden nella Terra Australe (un'isola-continente immaginaria, che si presumeva comprendesse la quasi sconosciuta Australia ed altre terre fino alla Terra del Fuoco).

L'opera fu considerata vera da molti dei suoi lettori, o almeno verosimile, e così fu recensita dal Journal de Savants nel 1679 .

In realtà lo Sevarambi immaginato da Variasse era un continente utopico, utilizzato per svolgere delle critiche filosofico-politico alle religioni rivelate (ed in particolare a quella cattolica del XVII secolo), e per immaginare modi differenti (vicini al pensiero libertino e al razionalismo proto-illuminista inglese) di immaginare il governo e la società.

Quest'opera fu presente in molte biblioteche di illuministi successivi, come romanzo filosofico, ottenendo diverse traduzioni nelle diverse lingue europee .

Fu citato da Montesquieu (capitolo VI dello Spirito delle Leggi) e molto apprezzato da Swift.

Italo SVEVO

La Coscienza di Zeno. Romanzo.


Bologna, Cappelli, 1923. In 16mo (cm. 19,5)   cop. orig.; pp. 519 (1). 

Astuccio in tela nera. Firma di appartenenza di un noto giornalista. Bella copia. 

PRIMA edizione.   € 3800


In questo romanzo, considerato il suo capolavoro, lo scrittore triestino, anche grazie alla conoscenza della psicoanalisi, sviluppa un'analisi psicologica di straordinaria profondità e costruisce tecniche narrative modernissime, soprattutto per la tradizione italiana. Attraverso la rappresentazione interiore della nevrosi del protagonista e narratore, l'autore riesce infatti a rendere la soggettività del pensiero e dei ricordi, in una narrazione che appare ormai quasi completamente svincolata dalle convenzioni realistiche ottocentesche. Ma la novità di Svevo sta anche nella sua ironia, nella costruzione di un protagonista "inetto", radicalmente antitragico e antieroico. La fortuna critica di Svevo comincia soprattutto dopo la sua morte, a partire dal numero speciale a lui dedicato nel 1929 dalla rivista fiorentina di letteratura "Solaria".

Telemaco Signorini 1835 - 1901



99 Discussioni artistiche di Enrico Gasi Molteni (anagramma di Telemaco Signorini).

Firenze, Tipografia dell’Arte della Stampa di Salvatore Landi, 1877.


In 8vo quadrato (cm. 17); carte 7 nn. + XCIX + 4 cc. non numerate (complessivamente pagine 220).


Bellissimo ritratto di T.S.  color sanguigna in litografia eseguito da Giovanni Boldini; elegante frontespizio a 2 colori; 99 superbi capilettera disegnati, appositamente per questo libro, da Telemaco Signorini.

Bella copia.

€ 450


ESQUIROL.


Della alienazione mentale o della pazzia in genere e in ispecie, del Professor Esquirol. Versione di Luigi Calvetti medico ordinario dell’Ospedale Maggiore e della Casa dei Pazzi di Bergamo. Con undici tavole in rame.


Milano, Coi tipi di Felice Rusconi, 1827-1829. Due volumi in 8vo (cm. 20,5); legature coeve in mz. pelle; pp. XXVII (1), 234 (2) + VI tavole; VIII, 266 (2) + 5 tavole. Con un catalogo di libri che trattano delle malattie mentali.


PRIMA edizione che precede quella francese in volume.   € 2400


Risalgono infatti a Pinel – ma anche e soprattutto, occorre aggiungere, al suo erede, il grande Esquirol, inventore della monomania – un nuovo punto di vista sulla follia ed una straordinaria lezione di metodo, che ogni psichiatra, credo, dovrebbe rimeditare: la follia non è quasi mai totale, non annichilisce quasi mai interamente la ragione umana. La follia – ed il suo fenomeno più direttamente visibile, il delirio – è parziale. Rimane sempre vivo, nel folle, come dirà Hegel, attento lettore di Pinel, un resto di ragione: proprio puntando su questo resto, cioè sulla parte sana dell'io, è possibile comprendere, curare e guarire la malattia mentale.

Accademia Clementina di Bologna


Giampiero Zanotti.


Storia dell’Accademia Clementina di Bologna aggregata all’Istituto delle Scienze e delle Arti. In Bologna, Per Lelio dalla Volpe, 1739. PRIMA EDIZIONE.


Due Volumi in 4to grande (cm. 30); frontespizio in rosso e nero; pp. (20), 434, (2); (10), 391, (1) + 4 grandi tavole incise più volte ripiegate: Pianta del Palazzo, Facciata, Spaccato Piano superiore; con 51 splendidi ritratti in ovale con ricche cornici a piena pagina. Belle legature coeve in piena pergamena rigida; tagli spruzzati. Stampato su carta pesante a pieni margini.  € 2300

Acquari


Michele Lessona.

Gli acquari di Michele Lessona.

Torino, Tipografia Scolastica di Sebastiano Franco, 1862.

In 8vo (cm. 18); copertina originale stampata; pp. 54 (2). Con 16 illustrazioni nel testo.

€ 130

Lunario Ebraico


Elia Sinigaglia.

Lunario Ebraico per l’anno 5607 ossia compendiosa dilucidazione dei titoli che portano in fronte le Bibliche Leggende storica ed etimologica dichiarazione delle Feste, mezze Feste e digiuni degli Israeliti. Compilate dal Maestro Elia Sinigaglia e dall’Almanacchista Anconitano corredato di un calendario romano e delle diverse fasi lunari per l’anno 1847. Aggiunti molti proverbi salomonici, diverse cabale pei dilettanti del giuoco del lotto ed una relazione delle feste d’Ancona dall’Università Israelitica in onore dell’Immortale Sommo Pontefice  Pio IX celebrate e relative epigrafi.

In Loreto, Fratelli Rossi, 1846/7.

In 16mo (cm. 16); cartina colorata coeva; pp.40.  € 230

Gabriele d’Annunzio

Il VOLO della “SERENISSIMA”


Numero speciale dell’Illustrazione Italiana:

La gesta di Vienna Km. 1100 in ore 6,40. 9 Agosto 1918. ANSALDO.


In folio (cm. 41), bella copertina originale illustrata arancione; pp. 16.

Bellissime riproduzioni fotografiche del volo della Squadriglia “Serenissima” su Vienna. Manifestini di Vienna, Riproduzioni di autografi di G. d’Annunzio.

Foto aeree con il lancio dei manifestini.


Segno di piega al centro lievi strappetti ma bella copia. € 230

Progetto per una Banca


Leone e Saul Almagià .

Progetto per una Società in Accomandita per affari di Banca e Sconti da erigersi in Ancona il 1 Gennaio 1843 dai Signori Leone e Saul Almagià e sotto la ragione sociale Fratelli Almagià e C. Durabile a tutto Dicembre 1852.


Ancona, Tipografia Baluffi, 1842.

In 16mo (cm. 16); copertina colorata coeva; pp. 11 (5). Con l’elenco dei Signori Azionisti: A.D. Ascoli, Mosè di G. Almagià, Samuel Coen, Abram Ariè Perugia, Fratelli Euzeby, Levi e Senigallia, Elia Zabban, Isach Servadio, G. Perugia, Moisè Servadio...  € 180

Costituzione della Repubblica Italiana

26 Gennaio 1802


colle leggi organiche relative al culto e le nomine delli di lei Rappresentanti degl’Elettori, a termine della medesima. Nonchè tutti li Discorsi Proclamati nella sua Inaugurazione.


In Bologna, Nella tipografia Marsigli ai Celestini, 1802 Anno I .


In 16mo (16); cartina colorata coeva; pp. 53 (3). PRIMA edizione. € 450



Leggi organiche della Repubblica italiana relative al Culto.

Accettate in Lione dopo la Costituzione.

Bologna, Marsigli ai Celestini, 1802.

In 16mo (cm. 16); cartina colorata coeva; pp. 8. PRIMA edizione. € 230


Chemine de Fer


Guide officiel des Voyageurs sur tous les Chemins de fer Francais et et les  principaux chemins de fer etrangers accompagné de Cartes speciales pour chaque ligne ...

Paris, chez Napoleon Chaix, (1846).


In 16mo (cm. 15); cartina coeva muta; pp. 304. Con 7 carte litografiche delle linee.


Carte di colore differente e varie illustrazioni pubblicitarie ecc.    € 160

Luis Frois


Lettera annale del Giapone scritta al Padre Generale della Gompagnia [sic] di Giesù alli XX di Febraio M.D.LXXXVIII.


In Roma, Francesco Zannetti in Piazza di Pietra 1590 .  € 6800

In 8vo (cm. 16,2); pp.119, (1), carta colorata del Settecento. Bella copia.


PRIMA edizione. Delle Lettere dal Giappone è tra le più significative poiché narra di un periodo tormentato: dal 1587 in Giappone si era scatenata una feroce persecuzione contro i cristiani, che porterà nel giro di un decennio alla quasi scomparsa della religione;.nel 1587 infatti Toyotomi Hideyoshi emise un'ordinanza che bandiva i missionari cristiani dal Kyūshū, per mantenere un maggiore controllo sui daimyo cristiani. Inoltre fu eretta la prima diocesi in Giappone da papa Sisto V il 19 febbraio 1588 a Funay, capitale del Regno di Bungo..

Reali di Francia



Andrea da Barberino.


Li Reali di Francia. Ne’ quali si contiene la Generazione  degli Imperatori, Re, Duchi, Principi, Baroni, e Paladini di Francia. Con l’imprese grandi, e Battaglie da loro fatte. Cominciando da Costantino Imperatore sino ad Orlando conte di Aglante.

In questa nuova impressione purgati diligentemente...

In Napoli, per Gaetano Roselli, 1771.

In 8vo (cm. 17,9); pergamena coeva; tit. manoscritto al dorso; pp. 528. Con 6 belle grandi vignette in xilografia di gusto popolare. € 380


Nei Reali di Francia (1a ed., Modena 1491) è narrata, con citazione di presunte fonti storiche, la favolosa storia della stirpe reale francese da Fiovo, figlio di Costantino imperatore, sino a Carlo Magno. L'opera viene a essere una specie d'introduzione generale al ciclo carolingio e soddisfa con la precisione delle sue genealogie alla fanciullesca curiosità del popolo.


Don Cesare D’Este.


Gratie concesse dal Sereniss. Sig. Il Sig. Don Cesare d’Este, Duca di Modena Reggio etc. alla Communità di Modona.


In Modona, Gio Maria Verdi, 1602.

In folio piccolo (cm. 27); cartoncino colorato del Settecento; pp. 38 nn.

(unito:)

Ferrante Borsetti Ferrante Bollani adversus supplementum, et animadversiones Jacobi Guarini critici personanti in Historiam almi Ferrariensis Gymnasii, defensio.

Venezia, S. Occhi, 1742. Pp. LXXXIV (2).

€ 500


Giuseppe Tomasi di Lampedusa.


Il Gattopardo. Edizione conforme al manoscritto del 1957.


Milano, Feltrinelli  1969.  in 8vo (cm. 21,7);  pp. XXI, 376 (2), ritratto fotografico di G. Tomasi + tavole fuori testo in b.n. ed a colori; astuccio originale in tela rossa e carta ill.; copertina originale in tela rossa con stemma in oro dei Tomasi di Lampedusa al centro del piatto anteriore; acetato originale.


Con una premessa  di 16 pagine  di Gioacchino Lanza Tomasi.

Bellissima copia della migliore edizione del “Gattopardo”. € 250

Plan of ACTION between the ENGLISH and DUTCH FLEETS on the eleventh of October 1797.



The Dublin Evening Post . Saturday November 4 1797.

In folio (cm. 52,5), pagine 4.  € 350


Distinta relazione  della   battaglia di Camperdown,  battaglia navale, combattuta al largo della costa nord dell' Olanda che culminò nella vittoria della Royal Navy   sulle forze navali della Repubblica Batava  nel corso delle guerre rivoluzionarie francesi.

La flotta britannica al comando dell’ Ammiraglio Adam Duncan sconfisse la flotta olandese, al comando dell'ammiraglio Jan Willem de Winter,  al largo della costa del villaggio di  Camperduin, a nord-ovest di Alkamaar.


L'ammiraglio de Winter venne fatto prigioniero con la sua nave, disalberata e con metà equipaggio morto o ferito. Nell'arrendersi egli fece per consegnare la sua spada a Duncan, ma questi rifiutò e gli strinse la mano.

Vincenzo Monti.


Iliade di Omero. Traduzione del Cav. Vincenzo Monti


Brescia, Bettoni  1810.

Tre volumi  in 8vo (cm. 29); belle legature in mz. pelle coeve con tit. in oro ai dorsi;  pp. (8) 274 (4);  299 (3); 270.

Prima edizione della  importante  traduzione di Vincenzo Monti. 


Alcune arrossature per la qualità della carta, ma bella copia molto genuina. € 980

Boris Leonidovic Pasternàk.


Il Dottor Zivago.  Traduzione dal russo di Pietro Zveteremich.

Milano, Feltrinelli, 1957. In 8vo (cm. 20,3); legatura originale in cartonato editoriale con  sovracop.;  pp. 710, (2).

Prima edizione  del 15 novembre 1957.

Una firma con data 1957 alla carta di guardia. 

“

I dirigenti letterari sovietici con obiezioni di fondo negarono l’autorizzazione alla pubblicazione  del romanzo.  L'opposizione alla pubblicazione delle autorità sovietiche, e la richiesta di restituzione del manoscritto, giunse all'editore Feltrinelli alla fine dell'estate del 1957, quando la lavorazione del libro era praticamente terminata.


L'edizione italiana dell'opera, nella traduzione di Pietro Zveteremich, diventerà la prima edizione mondiale di quest'opera  così importante  per la   letteratura russa.

BIBLIOTECA VATICANA

Mutio Pansa.


Della  Libraria Vaticana ragionamenti di Mutio Pansa  divisi in quattro parti ne’ quali non solamente si discorre dell’origine, e rinovatione di essa: ma anco con l’occasione delle Pitture , che vi sono nuovamente fatte si ragiona...

Roma, Giovanni Martinelli, 1590. In 4to (cm. 22,5); pp. (8), 331 (29); mz. pergamena antica con tit. ms. al dorso.

PRIMAedizione. € 5500

L’opera descrive  la struttura architettonica e i dipinti della Biblioteca Vaticana, allora in costruzione su progetto di Domenico Fontana, che aveva come fulcro il grande salone di lettura affrescato da Giovanni Guerra e Cesare Nebbia, su programma concettuale del custode Federico Ranaldi di Raiano. Tuttavia Muzio, mettendo in risalto gli elementi allegorici, intendeva celebrare, ancora una volta, Sisto V che dell’edificio era stato il vero ispiratore e che aveva inteso rappresentarvi la storia universale del sapere umano, da Adamo all’epoca moderna, come frutto di una duplice tradizione, l’una di natura divina, attraverso l’Antico Testamento e la Rivelazione, l’altra di natura umana, attraverso le varie tappe del pensiero filosofico – Platone, Ermete Trimegisto e altri – finendo con il sottolineare l’influenza di entrambi i saperi nell’elaborazione del linguaggio e della scrittura.



Nelle prime parti è descritta principalmente la nuova costruzione della biblioteca commissionata da papa Sisto V e realizzata dal 1587 al 1590 da Domenico Fontana, e le altre opere urbanistiche eseguite da questo architetto. Nella seconda parte sono delineati i dipinti sulla parete destra del Salone Sistino che mostrano i concili ecumenici della Chiesa (da Nicea a Trento). La terza parte tratta le librerie più famose del mondo come raffigurato sulla parete sinistra del Salone. Nell'ultima parte sono elencati tutti coloro che hanno contribuito all'invenzione degli alfabeti come raffigurati sui pilastri del Salone.


Corrado Costa


Corrado Costa presenta 1949 - 1969. 20 anni d’esperienze d’avanguardia a Reggio Emilia.


A.Bergomi;  V. Cavicchioni; O. Ettorre; M. Gerra; B. Olivi; E. Parisi; C. Parmiggiani; G. Ruspaggiari; V. Poli; N. Squarza. Reggio Emilia, 1969, Galleria San Rocco. A cura dei pittori citati nel catalogo con la collaborazione di Corrado Costa.


In folio (cm. 30,1); copertina originale; pp. 40 +  4 inserite doppie.  Illustrato. Molto raro. 


Corrado Costa: Di Claudio Parmiggiani devo dire subito che lo considero impegnato fino all’eccesso in una specie di missione che si è imposta di essere, sostenitore, e senza ritegno, o pudori, di una mostruosa “apologia del sadico”. Le sue superfici ricoperte di mattonelle bianche stanno lì a rappresentare l’ideologia dell’igiene borghese, e su di esse si schiacciano le macabre dentiere ... E’ una violenza che Parmiggiani ci porta, tale e quale in casa...


Giovanni Battista Albrizzi.


Forestiere illuminato intorno le cose piu rare, e curiose, antiche, e moderne della città di Venezia e dell'isole circonvicine; con la descrizione delle chiese, monisteri, ospedali, tesoro di S. Marco, fabbriche pubbliche, pitture celebri, e di quanto   di più riguardevole.



Venezia, presso Giambatista Albrizzi, 1740.


In 8vo  (cm. 16,5)  antiporta incisa in rame  dallo Zucchi con le armi di Federico Augusto II di Sassonia, 8 carte nn. , 342 pp., + 5 carte nn.  e 44 tavole incise in rame fuori testo, molte a doppia pagina. Legatura coeva in tutto cartoncino  marrone.


Bell'esemplare.   € 2350


Prima edizione di questa celebre guida illustrata di Venezia. L'opera godette di grande successo ed ebbe molte ristampe per le sue accurate descrizioni e le belle tavole incise in rame da Francesco Zucchi, Giuseppe Filosi che illustrano palazzi, chiese, monumenti e tutti i più significativi luoghi di Venezia.


Nell'ultima parte si trova un'interessante sezione dedicata alle tradizioni (giochi, regate, pubblici divertimenti, ecc.) di Venezia.

John Ronald Reuel Tolkien.

Il Signore degli Anelli. Trilogia. Edizione italiana a cura di Quirino Principe. Traduzione di Vicky Alliata di Villafranca.

Introduzione di Elémire ZOLLA.


Milano, Rusconi, 1970.


In 8vo (cm. 22); legatura in pelle marrone a 4 nervi, titolo in oro al dorso; astuccio originale; pp. 1359 (7) + grande  carta geografica più volte ripiegata.

Prima edizione italiana stampata in 300 copie numerate “ad personam”.


Il libro non è stato mai messo in commercio. Contenuto in una bella custodia marmorizzata marrone è stato stampato in sole 300 copie e donato a personalità del mondo dell’editoria, della cultura e della politica di quegli anni.

Le copie sono   stampate con il nome di chi ricevette il volume  e numerate. 

Rarissimo. € 2500






Libro di Giobbe in ebraico


Repetitorium der Exegese des alten Testaments .

Hebraischer Text nebst einem nach den neusten Hilfsmitteln bearbeiteten kommentar....


Hiob. Hebraischer text ... fur Theologie Studirende...


Berlin, Verlag von Rudolph Gaertner, 1855.


In 8vo (cm. 20); legatura coeva in tela con scritta in oro “Hiob”  2.

Pagine  XIV (2), 159 (1).


Striscie  di carta legate nel testo manoscritte ed altre note manoscritte coeve.   € 165

Almanacco per lo Stato Pontificio


1847 Almanacco per lo Stato Pontificio.


Bologna, Tipografia Camerale alla Volpe, a spese del compilatore, 1846/7.

In 16mo (cm. 15,4); cartina colorata coeva; pp. 192.

Calendario Cattolico pel 1847

Calendario Ebraico pel 5607

Legislazione, Giurisprudenza, Educazione ed Istruzione, Astronomia, Invenzioni, Economia rurale, Racconti...

Cronaca del primo semestre di Pontificato della Santità di N.S. Papa Pio IX.


Commercio - Ducato di Modena



Trattato di Stabilimento di Commercio fra Sua Maestà il Re di Sardegna e Sua Altezza Serenissima il Signor Duca di MODENA.


In Modena, per gli Eredi di Bartolomeo  Soliani, 1753.


In 4to grande (cm. 27); carta colorata del Settecento; pp. 72 + una grande carta geografica più volte ripiegata “Mappa dimostrativa del presente andamento del Po dai confini di Casalmaggiore allo sbocco del fiume Crostolo...

Incisa da Filiberto Pagani Accademico Clementino.


Cavalli, Capponi, Muli, Pesce, Pecore, Asini, Buoi... Noci, Lardo, Seta, Carta, Argento, Alume di rocca... Porci grassi...

€ 580

Clemente Rébora.


Frammenti lirici.


Firenze, Libreria della Voce, 1913.

In 8°, br. originale stampata.  pp. 135,(1) + foglietto d’errata.  


Tracce scure di colla alla copertina posteriore, ma buona copia.


Prima edizione della raccolta  d’esordio di versi del poeta.    € 780

Gastronomia

Almanacco per l’anno 1834


L’Arte di Ben Cucinare ossia il Cuoco di economia e di buon gusto che insegna ai dilettanti di cucina ed alle persone di servizio il modo facile per far pranzi tanto in città che in campagna.


Milano, da P.M. Visaj, Stampatore-Librajo nei Tre Re a S. Gio. Laterano, 1834.


In 24mo (cm.13,2); cartoncino coevo con carta colorata; pp. 70 di ricette + (2) XXXII di Giornale per l’anno 1834: Eclissi, Calendario dei 12 mesi, Arrivo e Partenza delle lettere, merci, viaggiatori... orari e valore oro e monete.


Del Porco, del trinciare, Del Vitello, Del castrato ... Dei sughi, del brodo, Brasura di vino all’Italiana, Salsa all’italiana... Piccioni alla bigné, Zuppa di varie erbe, Cotolette alla molinara, Frittura alla milanese, Pollastra immascherata, Spinaci alla crema, Capponi cotti alla brase, Pasta mille foglie di sfogliata, Salame o Bondiola, Anguilla panata, Botrise alla spagnuola....

€ 350



Vincenzo Tanara.


L’Economia del Cittadino in Villa del Signor Vincenzo Tanara divisa in sette libri. Coll’aggiunta delle qualità del Cacciatore del medesimo Autore. Edizione undecima.


In Venezia, presso Giuseppe Bortoli, 1745.

In 4to (cm. 22,6); mz. pelle di poco posteriore con fregi in oro al dorso; pp. VII, 524.


Capitoli riguardanti l’agricoltura e la gastronomia. Citata nelle bibliografie venatorie per il capitolo finale sul cacciatore e per vari altri richiami nel testo. 


Il libro I tratta del pane e del vino; il II delle viti e delle api; il III del cortile con interessanti nozioni di culinaria; il IV dell'orto e del modo di cucinare le verdure; il V del giardino; il VI della coltivazione dei campi; il VII delle influenze del sole e della luna sulla coltivazione con curiose descrizioni di banchetti e pranzi e consigli sulla caccia.


Di notevole interesse inoltre altri capitoli di gastronomia tra cui uno elenca i 110 modi per condire e cucinare la carne di maiale.  € 380

Aldo Palazzeschi.


Lanterna. Firenze, Stabilimento Tipografico Aldino. 1906.


In 8vo (cm. 20,4); copertina originale; pp. 98 (2). € 2800


PRIMA edizione arricchita di una importante dedica di Aldo Palazzeschi alla “Signora Luisa Bellenghi”


Clodio e Luisa Bellenghi, galleristi (Bottega d’arte Bellenghi di Firenze), carissimi amici ravennati di Aldo Palazzeschi. Il Poeta era spesso ospite della Famglia Bellenghi nella loro casa di Ravenna ed in quella di Firenze. (il 31 marzo 1907 Palazzeschi era infatti loro ospite a Firenze).

Una lirica della raccolta Lanterna, Il passo de le Nazarene (pp. 15-18), è preceduta da dedica a stampa “A Clodio Bellenghi”.

Da una lettera di Marino Moretti a Palazzeschi:

... Sono contento che la tua Rimini ti piaccia e che la gentile e ospitale Famiglia Bellenghi ti renda ancor più gradito il soggiorno romagnolo e balneare. Imagino il vostro divertimento! specialmente ora che la “season”, piuttosto pretenziosetta non può dirsi cominciata...

Carteggio Moretti- Palazzeschi, Vol. I, p. . 173.

Terremoto di Messina

Le célebre, pour les vaisseaux autre fois si dangereux détroit de faro di Messina.   Comme il étoit par le terrible tremblement de terre du 5  Février 1783. Détendu de 4 lieues d'Italie Le fameux Ecueil de Scylla, et les deux Fanaux De deux Côtés de la  Carybdes étant ou engloutis ou réduits en Décombres, Et tout ayant changé de face.


A Paris chez Jacques Chereau rue St Jacques au dessus de la Fontaine St. Séverin aux 2 Colonnes. n° 257.


Bella incisione del Settecento sul terremoto di Messina del 1783.

Misura cm. 30,4 x 42,7.

La stampa è stata lavata e presenta lievi restauri ai margini e al centro molto professionali.


Rara veduta raffigurante il terribile maremoto del 6 febbraio 1783 scatenato dal violento sisma che interessò l’intera area della Calabria a sud di Cosenza, e il territorio di Messina, in Sicilia, seminando morte e distruzione.  € 280€ 250



Il più raro libro di Italo Calvino

Tiratura di 20/30 copie


Italo Calvino

I Giovani del Po.


Bologna, Roma, Milano, 1958.


In 16mo (cm. 21,5);  Copertina in cartoncino stampato originale; pp. 56.


PRIMA rarissima edizione apparsa a puntate su “Officina” tra il 1957 e 1958.


Italo Calvino chiese al Poeta ed editore di “Officina” Roberto Roversi di stampargli 20/30 copie in volume di questo racconto   per suo uso esclusivo e non di vendita.


Calvino quando ricevette i volumetti non restò soddisfatto della stampa e probabilmente le poche copie stampate non circolarono. 

FUTURISMO

Aldo Giuntini.


L’universo in pugno. Glorificazione Futurista della sintesi - brevità.

Con presentazione di S.E. Marinetti.


Carrara, Editrice Bottega d’arte di Corrado Lattanzi,  agosto XII (1934). In 8vo ad album (cm. 18x22,5); copertina originale stampata; pp. 42 (4) + ritratto di Giuntini.  Copia a fogli chiusi. Prima edizione. € 230

Giambatista Venturi.

Memoria intorno alla vita ed alle opere del Capitano Francesco Marchi presentata al Cesareo Regio Istituto di scienze ed Arti in Milano il giorno 4 Aprile 1816 dal Cav. Giambatista Venturi membro del medesimo , e di più altre Accademie.


In Modena, presso la Società Tipografica, 1816.


In 4to grande (cm. 27);  carta colorata coeva con antica fascetta di rinforzo al dorso.

Ritratto di Francesco de Marchi inciso da G. Rosaspina; pp. 59 + 4 grandi tavole più volte ripiegate. PRIMA edizione. € 260





Giambatista Venturi.




Appendice alle due memorie intorno al capitano Francesco Marchi e sull'origine e i primi progressi delle moderne artiglierie del cav. Giambatista Venturi professore emerito dell’Università di Pavia ... Letta all’istituto medesimo il giorno 27 febbraio 1817.


Milano, Pirotta, 1817. In 4to grande (cm. 26);  cartina azzurra coeva; pp. 48.  € 170


La più importante rivista di xilografia italiana


XILOGRAFIA. Pubblicazione mensile di xilografie originali.




Annata completa 1924 + Annata completa 1925.

Complessivamente 24 fascicoli in 4to grande (cm. 32). Ogni fascicolo contiene 10 xilografie originali di Francesco Nonni, Alfredo Morini, Benito Boccolari, Mario Vellani Marchi, Antonello Moroni, Guido Marussig, Bruno da Osimo, Mino Maccari, Ebba Holm, Lorenzo Viani, Adolfo de Carolis, Benvenuto Disertori...


Il fascicolo 17 del 1925 è interamente dedicato a LORENZO VIANI con 10 xilografie originali.


Il fascicolo n. 23 del 1925 è interamente dedicato a Giulio Ricci  con 10 xilografie originali.


Ottimo stato di conservazione con tutte le copertine originali.    € 3400

ACCADEMIA DELLA CRUSCA.


Vocabolario degli Accademici della Crusca. Oltre le giunte fatteci finora, cresciuto d'assai migliaia di voci e modi de' Classici, le più trovate da Veronesi. Dedicato a S. A. R. Il Principe Eugenio Vice-Re d'Italia.


Verona, dalla Stamperia di Dionigi Ramazzini,  1806 .

Sette volumi  in 4 tomi in 4to (cm. 27);  testo su tre colonne, pp. XXXII, 409 (1); 531 (1); 518; 353 (1); 480; 554; 235 (1); 244 di ''Indice delle Voci e locuzioni latine''; 72 di ''Autori o Libri d'Autori del Buon Secolo''; 85, (1) di ''Vocabolario toscano dell'arte del disegno.. di Filippo BALDINUCCI; Pagne 165, (1) di ''Voci maniere di dire e osservazioni di toscani scrittori.. raccolte e corredate di note da Andrea Pasta che possono servire a giovani nell’arte del medicare..''.


Legature coeve in mz. pelle, titolo e filetti in oro al dorso con piccole mancanze ed alcune fenditure alle cerniere.

All’interno bella copia stampata su carta pesante di questa  edizione veronese. € 580

Carlo MATTIOLI  -  Pietro ZARI .


Epigrammi Erotici. Il Quinto Libro dell'Antologia Palatina.

Neri Pozza, 1963. Cm. 36, cart. edit. con sovracop. in carta grigia più velina semitrasparente, 14 fascicoli sciolti di 8 pagine cad. più 11 tavole litografiche originali a colori (l'ultima a doppia pagina).


Astuccio in cartone. Edizione di 150 esemplari numerati, stampata su carta Ingres di Fabriano. Il testo è stato composto e stampato dall'Officina Tipografica Vicentina.


Con 11 litografie di Carlo Mattioli  firmate e numerate a matita,  tirate da Ottorino Busato. Al termine della stampa le lastre litografiche sono state cancellate. 

Copia perfetta. € 1350

ANTCHITA’ ESTENSI


Lodovico Antonio Muratori.


Delle Antichità Estensi ed Italiane. Trattato di Lodovico Antonio Muratori bibliotecario del Serenissimo Rinaldo I duca di Modena... In cui si espone l’Origine ed antichità di Casa d’Este, e la sua diramazione nella Linea Reale ed elettorale del Regnante Monarca della Gran Bretagna Giorgio I e dei duchi di Brusnic, e Lunenburgo e nella linea dei Marchesi d’Este, de’ Duchi di Ferrara e di Modena ec. e si rapportano i Documenti e le Pruove, che occorrono .



In Modena, nella Stamperia ducale, 1717-140. Due volumi in folio (cm. 37,5); legature coeve in mz. pergamena. Splendida antiporta delineata da Antonio CONSETTI; ritratto a medaglione di Francesco III al front. del 2do volume. Pp. XXXI (1), 439 (1); (14), 736. Con XIII tavole genealogiche. PRIMA edizione.  Bella copia  a grandi margini    € 2650



“... Ancorché il Muratori niun’altra opera fuorché questa ci avesse data, meriterebbe per essa sola distinto luogo fra i più eruditi illustratori della storia de’ bassi tempi. L’origine e le più antiche vicende della famiglia estense erano state fino allora non solo involte fra dense tenebre, ma, ciò che è peggio, ingombrate ed imbrattate da favole...” Tiraboschi, Bib. modenese, T. III.

Filippo Tommaso Marinetti.


Lettera autografa  del 10 Gennaio 1924 indirizzata a “Caro collega”  in cui chiede di pubblicare il qui unito annunzio del teatro Futurista alle Folies Bergère...


Bella carta intestata con il  “Pugno di Boccioni “  di Balla. Direzione del Movimento futurista.


€ 1600

Giovan Battista Ferrari.


De Florum Cultura Libri IV.

Roma, Stephanus Paulinus, 1633.

In 4to (cm. 24); bella legatura in pergamena rigida coeva; frontespizio inciso; pp. (8), 522 + 16 d’indice. antico restauro all’angolo bianco di una carta ma bella copia. Tagli spuzzati di rosso. PRIMA edizione.  € 3700




Uno dei più raffinati prodotti dell'editoria illustrata seicentesca, il De Florum Cultura del gesuita Giovan Battista Ferrari, pubblicata a Roma nel 1633 e ristampata nel 1638 in traduzione italiana col titolo di Flora overo cultura di fiori;  è un'opera eclettica che riflette l'atmosfera culturale del papato di Urbano VIII Barberini e delle ricerche naturalistiche degli Accademici Lincei. Diviso in quattro libri, il trattato intendeva proporsi come un manuale sui fiori ornamentali nostrani ed esotici assai ambiti dalle famiglie più prestigiose della Città Eterna, ma nella sua dilatata struttura digressioni precettistiche sull'allestimento di un giardino si mescolano a notazioni su meraviglie ed artifici floreali. Consapevole della necessità di un rapporto interattivo tra notazione verbale e corrispettiva immagine, l'autore volle arricchire l'opera con un sontuoso corredo iconografico che illustrasse le essenze vegetali descritte ed alcune amene 'favolette' su accattivanti metamorfosi floreali.

Ad approntare queste tavole furono alcuni tra i più prestigiosi artisti del tempo, come Guido Reni, Pietro da Cortona e Friederich Greuter. Un testo di floricoltura, orticoltura e di storia naturale, scientificamente ineccepibile, che ambiva a proporsi anche come uno strumento di 'diletto' e che può offrire ancor oggi piacevoli sorprese non solo agli specialisti di storia del giardino, ma anche agli studiosi di fenomeni artistici e di storia della cultura.

Gabriele d’Annunzio


Busta autografa di Gabriele d’Annunzio  indirizzata A S. E.  il Barone Sidney Sonnino   Ministro degli Esteri.  Roma.


Grande busta arancione in cornice con scritte autografe di Gabriele d’Annunzio.

A tampone  blu la scritta “Squadriglia San Marco” e sopra la firma autografa di G. d’Annunzio “Il comandante della Squadriglia San Marco”


(unita:)


Bella fotografia originale del lancio dei volantini su Zara del 23 dicembre 1915.  € 950


Zara, Zara la santa, Zara l’invitta, questo è un messaggio d’Italia avvolto nel tricolore.

Eccoti la buona novella due aspetti, eccoti la parola invocata dalla tua passione.

E’ la prima volta che su te volano ali italiane, ali armate in guerra, ali della nostra guerra, partite dall’altra sponda, venute a te di sopra l’Adriatico, di sopra le tue isole ed i tuoi canali, per portati il conforto della Patria, per dirti che oggi non sei più sola, che più non sei abbandonata, che come Trento e Trieste sei tutta viva nel cuore nuovo d’Italia....

Athanasius


Contra haereticos, Contra gentiles, Contra arianos.

Tr. di Omnibonus Leonicenus. Con addizioni di  Petrus Brutus e Barnabas Celsanus


Vicenza: Leonardus Achates de Basilea, 1 Feb. 1482.

In folio (cm. 28,8); sobria legatura in mz. pergamena; tassello con tit. in oro; carte 88. Bella copia.  € 4800



S. Atanasio,  Padre e Dottore della Chiesa, il più celebre dei vescovi alessandrini e il più intrepido difensore della fede nicena contro l'eresia di Ario, che negava il mistero della SS. Trinità, nacque verso il 295 ad Alessandria d'Egitto da genitori cristiani che gli fecero impartire un'educazione classica. Discepolo di S. Antonio abate in gioventù, si consacrò al servizio della Chiesa. Nel 325 accompagnò come diacono e segretario il suo vescovo Alessandro al Concilio di Nicea radunato dall'imperatore Costantino, nel quale fu solennemente definita la consostanzialità del Figlio con il Padre. Nel 328 fu acclamato dagli alessandrini loro pastore. Di lui dicevano: "E' un uomo probo, virtuoso, buon cristiano, un asceta, un vero vescovo". Atanasio ristabilì l'ortodossia nicena e combatté l'arianesimo ufficiale che aveva trionfato nei concili di Seleucia e di Rimini (359). Riunito un concilio, prese decisioni improntate a misericordia verso coloro che si erano dati all'eresia per ignoranza, e anche sul terreno dogmatico fu largo e tollerante. Non lasciò più la sua fede fino alla morte avvenuta nel 373 dopo 45 anni di governo forte e alle volte anche duro contro i suoi avversari.
Egli meritò a buon diritto il titolo di "grande" per l'indomabile fermezza di carattere dimostrata contro gli ariani e la potenza imperiale, sovente ad essi eccessivamente ligia. A ragione fu detto che in lui, "padre dell'ortodossia", combatteva tutta la Chiesa. I suoi scritti dogmatici si riferiscono ai due misteri della Trinità e dell'Incarnazione; le Orationes contra Arianos, in cui difende la divinità del Verbo, composte nella solitudine del suo terzo esilio nel deserto durato dal 356 al 362, sono i suoi scritti più importanti e formano la sua gloria come dottore della S.ma Trinità.

Ognibene Leoniceno, della famiglia dei Bonisoli, nacque verso l'anno 1412 a Leonicus, antico nome di Lonigo,  da cui prese il nome Leonicensis o Leonicenus. Nel 1425, a tredici anni, è a Mantova discepolo di Vittorino da Feltre nella scuola che l'illustre umanista aveva aperto alla corte di Gonzaga, dove studia la lingua latina e greca , distinguendosi ben presto per le sue corrette traduzioni rese piacevoli per l'accurata scelta dei vocaboli. Nel 1453 lascia Mantova a causa della guerra scoppiata tra la Repubblica Veneta e la Signoria di Milano, conflitto che vide i Gonzaga schierati con gli Sforza. Ritornò ad insegnare a Vicenza e fu presente nella vita culturale e sociale della città berica e si adoperò in particolare per l'affermazione e la diffusione della nuova tecnica che si stava affermando in quel periodo: l'arte della stampa. Le sue attente traduzioni dei testi degli antichi autori, i profondi commenti e le sue revisioni attirarono a Vicenza  i più validi e ricercati artisti tipografi del Quattrocento. Leonardo da Basilea, nel 1482, per l'opera svolta dall'illustre umanista volle onorarlo pubblicamente dando alle stampe una preziosa edizione della traduzione delle orazioni di Sant'Atanasio.


Pietro Olina.


Uccelliera overo discorso della natura e proprietà di diversi uccelli e in particolare di que’ che cantano con il modo di prendergli, conoscergli, allevargli, e mantenergli. E con le Figure cavate dal vero, e diligentemente tagliate in Rame dal Tempesta, e dal Villamena. Opera di Gio. Pietro Olina Novarese Dottor di Legge. Dedicata Al Sig. Cavalier Dal Pozzo.


In Roma, Appresso Andrea Fei, 1622.


In 4to (cm. 23,4); elegantissima legatura in marocchino rosso a 5 nervi con fregi in oro al dorso, tripla cornice in oro ai due piatti, dentelle interna, tagli dorati. Legatura eseguita dal grande legatore modenese Rolando Gozzi negli anni 40/50 (si veda: Enciclopedia Treccani alla voce “legatori”).   Astuccio in tela con tassello e tit. in oro al dorso.   Cc. 6 nn, carte 67  numerate, pp. da 68  a 81+ 6 cc. nn. Al front. grande stemma inc. in rame del cavalier dal Pozzo. L'opera e' illustr. nel t. da 66 stupende tavv., inc. in rame dal Tempesta e dal Villamena, raffigur. vari tipi di uccelli e vari modi per catturarli, trappole e reti, scene di caccia.


PRIMA edizione di questo capolavoro dell’arte tipografica e figurativa romana del XVII secolo.   Sono descritte molto accuratamente 45 specie di uccelli , ed i modi di prenderli e conservarli. Filippo Re collocò questo libro tra i migliori che posseggono gl’Italiani in materia di caccia. Gamba, 2029. F. Re, III, p. 198. Ceresoli, p. 384-86.  € 4800

Corrado Govoni.


L’inaugurazione della primavera.


Firenze, Libreria della Voce, 1915. In 8vo (cm. 20,5); copertina originale stampata in rosso; pp. 263 (1).

Ne L'inaugurazione della primavera il rapporto fra sensi e cose si fa particolarmente evidente, e il poeta supera anche il crepuscolarismo di maniera per attingere a un crepuscolarismo intimo, personale. Govoni è lanciato in quello che definisce “viaggio intrapreso con frenesia” dal Crepuscolarismo al Futurismo e che si concretizza proprio nel trittico di raccolte degli anni 1911-1915: Poesie elettriche, L’inaugurazione della primavera, Rarefazioni e parole in libertà.

Raro.


PRIMA edizione.  € 600

Sebastiano Serlio.



Libro primo d’Architettura di Sebastiano Serlio Bolognese. Nel quale con facile e breve modo si tratta de’ primi principii della Geometria. Con nuova aggiunta delle misure, che servono à tutti gli ordini de’ componimenti che vi conseguono.

Seguono con propri frontespizi il Libro secondo ed il terzo.


In Venetia, Presso Francesco de' Franceschi Senese, 1584.


In 4to (cm. 24,3),  legatura coeva in piena pergamena: piatti marmorizzati; carte 124.  


Si tratta dei soli primi tre libri dell’edizione completa di sette. 

Scritta antica alla prima ed ultima carta bianca

“Di me Angelo Tusini pittore moderno”

“Di me Angelo Tusini”


Antica lettera manoscritta al retro del frontespizio datata 1675.  € 650




A.F. Formiggini

Festa Mutino-Bolognese.


Numero speciale del “Duca Borso” dedicato alla Festa Mutino-Bolognese del 1908.


In folio (cm. 40), volutamente stampato su carta a mano marroncino  tipo carta da tavolo d’osteria.

Pagine 16 con illustrazioni di Tirelli, Ruini, Jodi, Nasica + un grande manifesto stampato su carta giallina con disegno di Tirelli : “Il Pranzacolo della Fossalta”

La Saccia restituida firmata Al Sugaman. 

Francesco Petrarca.


Il Petrarca con dichiarazioni non più stampate. Insieme con alcune belle annotationi tratte dalle dottissime Prose di Monsignor Bembo, cose sommamente utili, à chi di rimare leggiadramente , & senza volere i segni del Petrarca passare, si prende cura.

In Venetia, appresso Nicolò Bevilacqua, 1568.

In 12mo (cm. 13,3); legatura della fine dell’Ottocento in piena pelle  a 4 nervi  con cornice in oro ai due piatti ed impressioni a secco; Scritta in oro “Il Petrarca al piatto anteriore. Dentelle in oro all’interno dei piatti. Tagli bulinati in oro;  Ritratto di Laura e Petrarca; pp. 490 + una carta bianca, altro frontespizio ( Tavola di tutte le Rime...) 259 (3) con marca tipografica in fine. SEI XILOGRAFIE allegoriche  raffiguranti amore, castità, morte, fama, tempo e divinità.

Bella copia. € 600




TAROCCHINI BOLOGNESI



Ventiquattro carte da gioco di un mazzo di tarocchini bolognesi della prima metà dell’Ottocento.  

Mazzo di  28 carte da gioco 


Torino, A. Viassone, 1943.

Regno d’Italia, Bollo L. 3.


Premiata fabbrica di Carte e Tarocchi A. Viassone Torino. Corso re Umberto 100 - 102 Casa Fondata nel 1830. € 65

Catalogo carte marmorizzate per rilegature.


Les papiers pour relieures de PUTOIS Freres - Paris. Mars, 1948.

Mancanza di una parte della legatura posteriore muta. € 340


Piccolo catalogo campionario di carte marmorizzate fatte a mano.

Centimetri 7,5 x 11,5.

16 campioni di carte Marbres “Lutetia”

33 campioni Marbres “Oriental”

16 campioni Marbres “Araneal”

SANTO NATALE


Breve raccolta di scelte poesie per la festività del Santo Natale.

Foligno, Tipografia di Feliciano Campitelli, 1859.  € 100


In 16mo (cm. 16); cartina colorata coeva; incisione con la “Natività” in antiporta, pp. 32.

Testi di Somai, Inno Ecclesiastico tradotto dal Belli, Zappi, Monti, Cotta, Gherardi, De Rossi, Manzoni, Marmitta, Coppetta, Torquato Tasso, Ghedini, Santucci.


Mail:

info@bongiornolibri.it



tel. 059  24  44 66

mobile 3355432936


Per visualizzare le liste precedenti cliccare all’inizio di questo elenco  sul mese.

Chi non riceve l’avviso dei nostri listini mensili può farne richiesta  a :


info@bongiornolibri.it


 

Edizione Tallone


Franceco Petrarca.

Canzoniere. Testo critico, saggio introduttivo e nota finale di GIANFRANCO CONTINI.


Alpignano, Tallone, 1974. In folio (cm . 33); astuccio originale e camicia; cop. orig. con velina protettiva; pp. XLIV, 310,  (49).


Bella copia. 


Questa   “Rime” di Francesco Petrarca, il cui testo venne curato da Gianfranco Contini, furono composte a mano con il carattere Tallone tondo corpo 14 e licenziate dai torchi il 18 luglio 1974, in occasione del sesto centenario della morte del Poeta.

Ne furono impressi 482 esemplari.

La nostra è una delle 470 copie su apposita carta della manifattura Miliani di Fabriano recante nella filigrana il nome di “Petrarca”.  € 265